La matita è il Sesto Dito

Tullio Pericoli considera la matita come un sesto dito, ché non si tiene in mano, ma si ha in mano: «dovrebbe essere nella mano, essere nelle dita».
Per questo lui usa mozziconi di matita per disegnare e, in certe opere, lascia che sia la mano a guidare il disegno.