Il disegno è uno strumento di pensiero, non solo di espressione artistica!

Dopo anni di incapacità nel disegnare ritratti, cavalli, biciclette, righe dritte e cose sensate, ho deciso di mettere insieme quel che so e quel poco che so fare per rieducare le persone a disegnare.

Il disegno per l’uomo occidentale è diventato infatti espressione di talento, ginnastica di bravura, piacere estetico e ha perso tutti i significati ancestrali che il tracciare segni ha sempre avuto nella storia dell’umanità.

Leggiamo il mondo attraverso i simbolistilizziamo continuamente concetti ed emozioni, dobbiamo memorizzare, immaginare, visualizzare, progettare e tutto questo diventa frustrantequando ci si nega lo strumento per farlo ovvero il disegno.

Purtroppo ci hanno insegnato sin dalle scuole elementari che da grandi disegna solo chi è bravo, chi fa cose che siano esponibili (la museabilità dei disegni per bambini è un grande problema), chi fa cose che facciano esclamare “wow”, in poche parole chi disegna bene cose belle.

Eppure il disegno, come il canto, la musica, la scrittura, è un elemento indispensabile per l’espressione della nostra natura, dei nostri pensieri e delle nostre emozioni.

Per questo ho pensato ad un corso che NON fosse un corso di disegno, ma un percorso pratico per imparare a utilizzare il disegno come strumento quotidiano di creatività.

Così, nel 2017, a Ravenna, dove abito, mi sono messo ad organizzare il “primo corso al mondo” di DISEGNO BRUTTO…